Infrastruttura elettrica in Italia: lo sviluppo è dietro l’angolo?

16 Ago 2022 | News, Prodotti

Infrastruttura elettrica in Italia: lo sviluppo è dietro l’angolo?

16 Ago 2022 | News, Prodotti

Il mercato della mobilità elettrica è in continua espansione e per questo noi di Nowo Mobility siamo sempre alla ricerca di soluzioni di ricarica che siano più rapide ed efficienti.

Come abbiamo più volte sottolineato in altri articoli, la quantità di veicoli elettrici è in continuo aumento in tutto il mondo. Servono pertanto infrastrutture di ricarica che siano in grado di rispondere alle esigenze manifestate dai proprietari di veicoli elettrici, sia pubblici che privati.

Ma quanto è sviluppata l’infrastruttura elettrica in Italia?

InsideEVs.it ha fotografato in queste settimane il grande ritardo dell’Italia nello sviluppo di infrastrutture di ricarica rispetto ad altri paesi europei.

È stata infatti mappata per la prima volta l’effettiva disponibilità di punti di ricarica lungo tutta la rete autostradale italiana.

Al di là del numero effettivo di punti di ricarica disponibili, quello che si rileva di più è la loro distribuzione disomogenea sul territorio nazionale: al centro-nord si evidenzia la presenza di aree di servizio attrezzate ogni 100 km, mentre al sud, dal Molise alla Sicilia, non si trova ancora nessuna stazione di ricarica. Questo costringe l’automobilista ad uscire dal casello per ricaricare.

In ultimo la mappatura specifica che su 506 stazioni di servizio operative in aurostrada, solo 59 dispongono di colonnine, per un totale di 254 punti di ricarica. I numeri poi si riducono ancora di più se si considerano solo le colonnine ad alta potenza (da 150 a 350kW), valide per ricaricare entro 15-30 minuti.

E nel resto del mondo?

Ci sono diversi paesi europei che, in questi anni, hanno conseguito risultati importanti per quanto riguarda l’elettromobilità: dalla Danimarca alla Finlandia, dalla Norvegia alla Svezia.

Questo è possibile grazie al loro sviluppo dell’infrastruttura di ricarica, in grado di soddisfare al meglio la domanda in tutto il territorio, anche con condizioni metereologiche estreme.

Ovviamente, alle spalle ci sono sempre misure politiche che favoriscono questo sviluppo e che si sono poi rilevate efficaci anche nella promozione delle auto elettriche: dalle esenzioni fiscali ad altri incentivi utili al consumatore finale.

Possiamo prendere a modello i paesi nordici per sviluppare una buona infrastruttura di ricarica e favorire la crescita del mercato delle auto elettriche? Ci verrebbe da rispondere di si, ma è tutto da vedere nei prossimi anni.

NowoMobility entra in contatto con Kempower

Negli ultimi mesi, e visti i numeri legati allo sviluppo nei paesi nordici, abbiamo avuto la possibilità di conoscere un’azienda finlandese all’avanguardia, che progetta e produce soluzioni di ricarica rapida in CC, per tutti i tipi di veicoli elettrici.

L’azienda è la Kempower e fa parte del Gruppo Kemppi.

Fin dai primi anni 50, Kemppi ha fornito migliaia di moduli di potenza per saldatrici e altre applicazioni, tra cui molti prodotti per l’acceleratore di particelle del CERN negli anni Duemila.

Kempower è stata fondata nel 2018 per sfruttare al meglio le vaste conoscenze e i moduli di potenza nelle applicazioni di ricarica per veicoli elettrici.

Tra le loro soluzioni di ricarica spicca il Kempower T-Series, un caricabatterie mobile per auto elettriche, veicoli elettrici commerciali, camion elettrici, furgoni, autobus ecc… che offre 40kW di potenza di ricarica pura e dispone di un’opzione di ricarica doppia simultanea per fornire 20 kW da ciascun canale.

Basta collegare il caricabatterie ad una semplice presa a muro, attendere qualche minuto affinchè si accenda e aggiorni il software… E fine, sei pronto per ricaricare il veicolo!

A differenza di una colonnina di ricarica o una wallbox, questo dispositivo può essere trasportato ovunque tu abbia bisogno di ricaricare l’auto.

Una soluzione unica e intelligente che ci ha stupito fin dal primo momento in cui abbiamo potuto scoprirla, durante l’Autopromotec 2022 a Bologna.

Continuiamo a credere in un futuro in cui la semplicità, la velocità e le opzioni di ricarica siano al primo posto anche in Italia.

Nel frattempo, ti invitiamo a contattarci per maggiori informazioni e ad iscriverti alla nostra newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Ti potrebbe interessare
Stazioni di ricarica mobile, cosa sono e a cosa servono

Stazioni di ricarica mobile, cosa sono e a cosa servono

Il numero delle auto elettriche sulle strade italiane è in costante crescita, anche se non ai livelli dei principali altri Paesi Europei. Come cresce il numero dei veicoli elettrici circolanti, è in pieno sviluppo anche l’infrastruttura di ricarica, che deve essere...

leggi tutto

Contattaci per scoprire di più sui nostri servizi di ricarica EV in ambito commerciale, residenziale o pubblico.

Compila il form e ti risponderemo in breve tempo

Acconsento al trattamento dei dati come da Vostra Privacy Policy (clicca qui per prendere visione del testo)

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi

Condividi questo articolo con i tuoi contatti