Sharing economy: cos’è, quali sono i vantaggi e le prospettive future

24 Nov 2021 | News

Sharing economy: cos’è, quali sono i vantaggi e le prospettive future

24 Nov 2021 | News

Quando parliamo di sharing economy intendiamo un modello economico che prevede la condivisione di beni o servizi tra privati, in forma gratuita o a pagamento. Il tutto viene facilitato dalla rivoluzione digitale, che con la sempre maggiore diffusione di internet, delle community online e della tecnologia, riesce a mettere in contatto più facilmente persone ed aziende.

Si tratta di un sistema in costante evoluzione e che, negli ultimi anni, ha preso sempre più piede, ripensando il modo di scambiare beni e servizi tra le persone.

Quali sono i vantaggi della sharing economy?

  • Evitare lo spreco dovuto sia alla produzione di nuove risorse per produrre nuovi beni, sia allo smaltimento dei prodotti che non vengono più utilizzati.
  • La possibilità di acquistare prodotti e servizi ad un costo molto più basso e quindi accessibile a tutti. Con la pandemia quest’esigenza si è ancora più intensificata.
  • La possibilità di recuperare parte dell’investimento iniziale dei prodotti acquistati, così da garantirsi anche un ritorno economico.
  • Favorire il rispetto per l’ambiente, riducendo sprechi e consumi di risorse. Un tema più che mai attuale.

La tecnologia diventa così funzionale alla comunità, senza distruggerla. La condivisione di prodotti, idee e beni può vivere e prosperare grazie alla tecnologia, mettendo in connessione persone e rendendo facile lo sviluppo di applicazioni e piattaforme digitali ad hoc.

Ecco che così, con la sharing economy, ci si allontana di parecchio dai concetti di consumismo a cui siamo abituati, dove la proprietà di un oggetto è legge. Al contrario, entrano ora a piedi pari i concetti di riutilizzo e di condivisione, sempre più apprezzati e richiesti dal mercato.

Cosa comporta la sharing economy?

Il macro concetto alla base di questo sistema è l’efficienza nell’utilizzo delle risorse a disposizione. Pertanto, grazie a questo modello di business, si sono fatti strada molti concetti e nuove abitudini da parte delle persone.

Pensiamo ad esempio a tutto quello che riguarda la smart mobility (mobilità intelligente), che risponde alle diverse esigenze di mobilità individuale e collettiva, oltre a prevedere l’implementazione di nuove infrastrutture e soluzioni.

Dal car sharing al ride sharing, l’obiettivo è di riuscire a spostarsi solo quando serve in modo flessibile, integrato, sicuro, riducendo il traffico, gli sprechi di tempo e, soprattutto, l’inquinamento.

Car sharing e mobilità elettrica: il futuro degli spostamenti

Le grandi città, ormai al collasso dal punto di vista della mobilità su strada, sono il primo scenario in cui già ora possiamo toccare con mano i benefici di questi nuovi modi di spostarsi.

Grazie, ad esempio, ai servizi di Car sharing cittadino, vengono messe a disposizione degli iscritti un parco auto in diversi punti delle città. Chi vuole usufruire del servizio può liberamente accedere ad uno di questi mezzi, usandolo per il tempo necessario e parcheggiandolo nei luoghi riservati, una volta terminato l’utilizzo.

Ma in ottica di car sharing rientrano anche tutti i servizi di condivisione tra privati: il proprietario di un veicolo mette a disposizione la sua auto per più utilizzatori. Un aiuto concreto per abbattere i costi di gestione del proprio veicolo, rendendolo disponibile in giorni e orari specifici dietro pagamento di un rimborso spese da parte dell’utilizzatore.

Infine non dimentichiamoci di tutti i servizi car sharing con conducente, anch’essi già molto diffusi a livello nazionale.

In tutto questo l’elettrico inizia a mettere radici profonde. L’Osservatorio Smart & Connected Car della School of Management del Politecnico di Milano conferma che l’idea del noleggio elettrico si sta facendo strada anche in Italia.

Sfruttare il fenomeno del car sharing e puntare sull’elettrico è la combinazione vincente per il futuro della mobilità: proposte 100% elettriche che permettano la condivisione di mezzi sul territorio nazionale.

A che punto siamo con l’e-sharing?

La crisi sanitaria, economica e sociale che abbiamo vissuto in questi ultimi 2 anni ha portato anche ad una crisi della mobilità, a causa delle diverse misure di contenimento del COVID-19 che hanno avuto effetti importanti sulla mobilità delle persone.

Di fatto, il settore dei trasporti è stato tra i più colpiti durante la pandemia. Eppure la sharing mobility ha continuato a crescere, soprattutto nell’uso dei monopattini elettrici in sharing.

L’andamento quindi è quello che da mesi stiamo constatando: da un lato la crescita obbligata dell’elettrico, che si rivela il modo più efficace per attuare il cambio di paradigma per abbattere le emissioni e raggiungere gli obiettivi del 2030.

Dall’altro il boom del mercato dell’usato e della sharing economy, che si posiziona tra i comportamenti sostenibili più diffusi dagli italiani.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali e iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sui prossimi contenuti. Compila il modulo qui sotto.

Ti potrebbe interessare

Contattaci per scoprire di più sui nostri servizi di ricarica EV in ambito commerciale, residenziale o pubblico.

Compila il form e ti risponderemo in breve tempo

Acconsento al trattamento dei dati come da Vostra Privacy Policy (clicca qui per prendere visione del testo)

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi

Condividi questo articolo con i tuoi contatti